100 domande sul pianeta Terra 
| Il pianeta | L'atmosfera | Dentro la Terra | La superficie | Misurare la Terra

Cosa sono gli equinozi e i solstizi?

Una suggestiva immagine del cielo stellato
L'eclittica, il circolo massimo che il Sole descrive sulla sfera celeste nel suo moto apparente, interseca l'equatore della sfera celeste stessa in due punti detti equinozi.
Il Sole passa per gli equinozi il 21 marzo e il 23 settembre, quando il dì e la notte hanno la medesima durata. Il 21 marzo segna l'inizio della primavera, mentre il 23 settembre comincia l'autunno.
I due punti dell'eclittica in cui il Sole si trova più distante dall'equatore celeste si dicono solstizi. Il Sole vi passa il 21 giugno e il 22 dicembre. A queste date nell'emisfero boreale abbiamo rispettivamente il dì e la notte più lunghi dell'anno. Il 21 giugno è il primo giorno estivo, il 22 dicembre inaugura l'inverno. Le stagioni e i fenomeni ad esse correlati, tuttavia, nei due emisferi terrestri sono invertiti.
Fu l'astronomo greco Ipparco (II sec. a. C.) a scoprire che gli equinozi si spostano, anche se molto lentamente, lungo l'eclittica. Questo movimento prende il nome di precessione degli equinozi ed è dovuto al fatto che l'asse terrestre si muove descrivendo un cono nello spazio in un periodo di 25.800 anni. La precessione degli equinozi ha grande importanza poiché è evidente che con gli equinozi si spostano anche le stagioni. A causa della precessione ogni anno le stagioni iniziano circa 20 minuti prima di quanto dovrebbero: con il passare dei millenni, perciò, si invertiranno.

Copyright (C) 2000 Linguaggio Globale - Zopper di Antonio Zoppetti -   Opera tratta dal cd-rom Conoscere il pianeta Terra, Linguaggio Globale, (C) 1998.